La cicala e la formica famosissima favola scritta da Esopo ci insegna che se si vuole arrivare preparati ad affrontare i momenti difficili, è necessario impegnarsi.

Questa metafora si sposa bene con il concetto di risparmio e in particolare del Piano di accumulo del capitale (Pac).

Molto spesso si pensa che se non si ha la possibilità di risparmiare cifre significative, non valga nemmeno la pena cominciare. Non è così!

Grazie al meccanismo del PAC (piano accumulo capitale) e al compounding (interesse composto)  anche piccoli importi accumulati e investiti costantemente possono portare a risultati inaspettati. Cercherò quindi di spiegare il funzionamento del Pac e di quello che Albert Einstein, ha definito “una delle più grandi scoperte dell’umanità” e “l’ottava meraviglia del mondo” ovvero l’interesse composto.

Presupposto fondamentale nell’utilizzo dei Pac è il tempo.

Come in tutto quello che facciamo e in tutti gli obiettivi che ci poniamo, per poterli raggiungere sappiamo che avremo necessità del tempo, risorsa preziosa che ci permette di raggiungere i traguardi ambiti, e impegno. Il Pac è un servizio finanziario che serve per accumulare somme di risparmio a scadenza fissa per un determinato periodo. E’ una sorta di salvadanaio in cui depositare i risparmi periodicamente.

I vincoli legati al PAC sono:

  • un minimo di deposito di 50 euro
  • possedere un conto corrente
  • rimanere coerenti con piano

I soldi che  versi nel PAC vengono investiti in uno o più prodotti finanziari, che hanno diversi livelli di rischiosità, ma tutti producono un rendimento finale. I Pac sono delle forme di investimento adatte soprattutto a chi desidera investire piccole cifre e poter accumulare col tempo una certa somma di denaro per il futuro.

L’effetto compounding non fa altro che moltiplicare gli “interessi sugli interessi“.  Ad esempio, se investi 100 euro al 10% per 10 anni, calcolando l’interesse semplice riceverai 10 euro ogni anno per 10 anni,  quindi 100 euro, per un totale di 200 euro. Ma se reinvesti gli interessi, allora il montante finale sarà ben diverso proprio grazie all’effetto compounding. Infatti, dopo il primo anno il tuo montante sarà 110 euro, al secondo anno 121 euro, al terzo 133 euro e così via fino ad arrivare al decimo anno. Il risultato finale sarà allora un montante di 259 euro.

Se poi si allunga ancora il tempo disponibile i risultati saranno ancora più gratificanti.

Ecco perché è importante iniziare a risparmiare il prima possibile, anche piccole cifre!

L’utilizzo del Pac ha permesso alla mia amica Valeria di realizzare il suo sogno:  fare una vacanza a New York per i suoi 40 anni! Valeria aveva il suo obiettivo e grazie ad un piano di investimenti programmatici ha potuto permettersi questa vacanza! Si è “privata” di una spesa oggi per poter raggiungere il suo obiettivo mettendo via ogni mese una cifra prestabilita nell’arco di 5 anni ha raggiunto il suo sogno.

Ma anche nonno Gianni è stato lungimirante… e quando mi ha detto: “Nadia io vorrei pensare al futuro del mio nipotino Luca” io ho pensato a costruire per lui un Piano programmatico dove grazie ad un piccolo contributo mensile di 100 euro al mese, dopo 10 anni nonno Gianni ha potuto regalare a Luca per i suoi 18 anni la sua prima automobile!

Sono solo alcuni esempi di obiettivi che si possono raggiungere, basta avere la voglia e i consigli adeguati per arrivare alla meta.

Per approfondimenti consiglio di visionare i seguenti link:

https://giornalecaffe.it/

http://www.assogestioni.it/index.cfm/1,657,0,49,html/vademecum-il-risparmio-dove-lo-metto-ora-

Se anche tu hai un sogno nel cassetto contattami, ti aiuterò a trovare la soluzione finanziaria adeguata per  raggiungere il tuo obiettivo.